Repricing di Amazon

6 Miti da Sfatare sul Repricing di Amazon

Share thisShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Buffer this page

Il Repricing di Amazon é circondato da miti, crederenze ed opinioni equivocate che hanno creato nel corso degli anni il terreno fertile per “storie spaventose”, non sempre corrispondenti alla realtá.

La vera sfida per i venditori online che decidono di utilizzare questo strumento comincia ancora prima di provarlo, quando si tratta di capire cosa é vero e cosa no di questo famosissimo software utilizzato su Amazon.

Ma vediamo assieme questi miti e luoghi comuni che hanno lasciato una scia di terrore dietro  di loro, e che possono fare da ostacolo all’implementazione di questa funzione per alcuni venditori di Amazon.

1. É una Guerra al ribasso

I sistemi di Repricers non servono solo per abbassare il prezzo. La vendita si conquista in presenza di vari fattori e non solo il parametro prezzo. Il Repricing di Amazon é uno strumento che permette di velocizzare il sistema di prezzaggio dello stock messo a disposizione su Amazon, con una accuratezza ed una velocitá impossibili da replicare manualmente. L’impostazione del min/max nelle regole permettono inoltre un controllo diretto ed affidabile sulle variazioni di prezzo che garantiscono al commerciante di non vendere mai in perdita ( min) rimanendo allo stesso tempo competitive sul mercato (max).

La famosa BuyBox non viene asseganta automaticamente al venditore con il prezzo piú basso, ma ci sono vari fattori che influenzano  il calcolo effettuato da Amazon. Non c’é da stupirsi quindi se ad un certo punto vedrete  la BuyBox assegnata ad un altro venditore con una SKU ad un prezzo maggiore del Vostro. Il Vostro concorrente potrebbe per esempio avere un rating puó alto e quindi puó permettersi di vendere ad un prezzo piú alto, senza perdela.

Sono molti i fattori che intervengono nell’asseganzione della Buy Box di Amazon, alcuni da tenere sempre a mente, oltre al prezzo sono:

  • Tipo di Spedizione ( in proprio/gestita da amazon)
  • Livello dello Stock
  • Rating del venditore
  • Invio Gratis

2. I Repricer possono abbassare il prezzo fino a 1 centesimo

A parte le regole di sicurezza dalla stessa piattaforma Amazon per prevenire questo tipo di errore, utilizzare i moderni Software di Repricing, aiuta anzi a prevenire questo inconveniente grazie alla possibilitá di fissare un prezzo minimo al di sotto del quale non scendere e assicurando cosi una marginalitá sui ricavi garantita. Diciamo che in generale é piú facile inserire dei prezzi sbaglaiti quando si mettono a mano ( specialmente se sono molti) piuttosto che quando sono stati impostati correttamente attraverso una regola di repricing.

3. Si perde il controllo sui prezzi

Non é vero. Quello che succeed é che si automatizza e velocizza il prezzaggio all’interno di un range definito dal venditore. Come dicevamo al punto 1. una volta che il venditore ha definito il limite inferiore e superiore( min/max), il software lavora da solo cercando di posizionare il prodotto al prezzo migliore (possibilimente quello piú alto), tenendo conto peró di quello che fanno i vostri concorrenti e puntando all’obiettivo di aggiudicarsi la BuyBox.

4. I Repricer sono troppo costosi

Oltre alla conclusione ovvia,che esistono varie offerte sul mercato, con schemi di pagamento diversi (dalla quota fissa mensile alla commmissione sulle vendite), una volta scelta l’opzione maggiormente in linea con i propri obiettivi, il Repricer dimostra facilmente la sua fattibilitá economica sin dai primi giorni di utilizzo. Un Repricer capace di garantire un livello tecnico e di support soddisfacente, vi aiuterá ad aumentare le vendite sin da subito, con un conseguente aumento anche dei profitti in termini globali.

5. Usare il Repricing di Amazon vuol dire vendere in perdita

Di nuovo la risposta é NO. Prima di tutto impostare correttamente il minimo considerando tutte le spese relazionate con la vendita di una determinata SKU vi puó aiutare non solo a prevenire la vendita in perdita, ma anzi l’opposto, ovvero vi permette di aggiure nella formazione del prezzo anche il guadagno ( margine di profitto) desiderato per un determinate articolo.

6. Il Repricer é solo per venditori di grandi dimensioni

Il Repricer é una opzione valida per ogni venditore di qualsiasi dimensione che vuole ottimizzare e velocizzare la gestione dei prezzi su Amazon evitando gli errori manuali. Come dicevamo prima esistono vari piani tariffari  e varie versioni, anche se quello che bisogna sempre tener in mente per essere soddisfatti dal servizio che si sottoscrive é quello che si desidera fare/ottenere con questo strumento.

Per esempio se si ha un database di centinaia di migliaia di SKU con una concorrenza agguerrita, il repricing in tempo reale é fondamentale per aggiudicarsi la vendita e sarebbe impossibile fare questi cambiamenti di prezzo in maniera manuale al giorno d’oggi.

Se si é un piccolo commerciante, il repricing di Amazon, aiuta comunque a mantanere  prezzi aggiornati su Amazon in maniera costante ed automatica, ed oltre che ad aiutarvi ad incrementare le vendita, é utile anche a gestire il database prezzi su questa piattforma in maniera piú efficiente.

Interessato a saperne di piú sul nostro Software Reprincing di Amazon? Guarda le possibilitá offerte dal nostro Price Manager o Provalo Gratis per 14 giorni!

Share thisShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Buffer this page
Rupert Heather

About Rupert Heather

Rupert dá pareri esperti e fornisce un'analisi completa del mondo della vendita on-line che é in continua evoluzione

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>